Il salto

Da piccola sognava di fare la parrucchiera, ma poi negli anni è nata in lei  la voglia di viaggiare e l’amore per l’ascolto, la comprensione e il supporto al prossimo. L'unione di queste due passioni ha dato vita alla professionista che oggi vi presento.

Priscilla, dopo il diploma come ragioniera, si è iscritta all'università per studiare psicologia. Nel frattempo ha fatto diversi lavori e esperienze. Call center, operatrice di ludoteca, operatrice psico-educativa nei servizi territoriali, tutor psico-didattica, gelataia e una parentesi da cameriera, dove racconta: “ho potuto farmi dei muscoli importanti (veri e metaforici) e scoprire quel tipo di vita. Lavoravo dal lunedì al sabato e la domenica ricevevo i miei pazienti in studio. Sono stati anni tosti ma che sono stati necessari a fare domanda di passaporto e spiccare il volo”

Tra le sue passioni, comprendere gli altri, è stata sempre quella prevalente: dai pensieri, alle culture di un luogo, alle spezie, alle usanze. 

Abilità questa che faceva parte di lei già da piccola, racconta infatti:" anche quando studiavo letteratura mi soffermavo e mi appassionavo a comprendere il modo di pensare di un autore e così all’interrogazione andavo a braccio."

Priscilla ha sempre sognato di girare il mondo, ma è forte in lei la consapevolezza di quanto ha potuto darle la Sardegna, nel bene e nel male. Si definisce una sarda fino al midollo e per quanto la sua curiosità continuerà a portarla fuori, conclude: "avrò sempre uno spazio nel cuore per la mia terra.  Vivere nel mio paese mi ha fatto sperimentare la cura, usanze antiche e profumi speciali. D'altra parte ho anche capito cosa significhi avere un occhio sempre addosso. Sensazione che ricorda molto la dinamica del palcoscenico, dove c’è sempre qualcuno che ci osserva. “

Priscilla oggi, dopo un mese a Bali, in Indonesia, si trova in Australia e lavora come psicologa online. I suoi clienti vengono da diverse parti della Sardegna e dell'Italia. 

Quando le chiedo quale sarà la prossima meta mi risponde così: "Per i prossimi sei mesi sarò qui. Però sicuramente vorrei approfittare di avere il Giappone, che è così relativamente vicino, la Thailandia, il Vietnam. E nel mentre l'Europa sta già sussurrando! La Scozia e l'Irlanda mi chiamano da tanto e ancora non ci sono mai stata."

Per Priscilla non è stato semplice fare il salto verso l'altra parte dal mondo, ma in fondo, nonostante la distanza, le ha permesso di realizzare entrambi i suoi sogni.

Ultima modifica il Lunedì, 20 Marzo 2023 08:24
(2 Voti)
Letto 1210 volte

Altro in questa categoria:

« I centrini sospesi La cura »

Lascia un commento

Assicurati di inserire tutte le informazioni richieste, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è permesso.