Il progetto ASSI

In Evidenza

Il progetto ASSI, ideato e coordinato da CONCORD, mira a valorizzare i contributi dei territori nella diffusione della cultura della sostenibilità, in particolare attraverso il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile. Il progetto, della durata di un anno, coinvolge attivamente cinque regioni italiane – Puglia, Lazio, Marche, Emilia-Romagna e Sardegna – regioni scelte perché rappresentative delle diverse realtà italiane (nord, centro, sud e isole). Per la coordinatrice del progetto Paola Berbeglia il senso di strutture di coordinamento come Concord Italia è di dare rilevanza a quanto succede nei territori, rileggendolo in una cornice comune. Interloquire con le istituzioni nazionali porta a dare valore a quanto fatto localmente. L’unione fa ancora la forza.

Con grande felicità, le attività previste per la Sardegna si sono svolte a Domusnovas. Nello specifico, mi sono occupata di portare avanti l'attività all’interno delle scuole, attraverso la realizzazione di un laboratorio di Educazione alla Cittadinanza Globale e Sostenibilità. Con me gli sportagents, i 10 giovani adolescenti protagonisti del progetto #sportpower e impegnati in un percorso formativo per diventare nuovi tutor di comunità e agenti di cambiamento. Potevano non esserci anche in questo nuovo progetto?

Le attività a scuola si sono svolte ad aprile e hanno coinvolto gli alunni della classe 4C del plesso di Via Monti dell'Istituto Comprensivo F.Meloni di Domusnovas e le insegnanti Muntoni Alessandra e Allori Alessandra. I laboratori sono stati organizzati tenendo conto delle linee guida del progetto e hanno visto i bambini lavorare in gruppo in tutte le attività.

Nel primo incontro abbiamo giocato insieme per conoscerci e "rompere il ghiaccio". Attraverso un brainstorming, abbiamo provato a elencare delle parole che potessero descrivere la cittadinanza attiva e globale e insieme abbiamo trovato una definizione. Gli alunni divisi in due gruppi hanno poi lavorato nell'ideazione di due città, disegnandole e spiegando i motivi che le rendevano "sostenibili" e "globali".  Ogni gruppo, coordinato da un sindaco eletto per maggioranza, ha poi redatto un programma settimanale di accoglienza per i visitatori delle città, mettendo in luce le attività più "innovative". A seguito di questi incontri in classe, grazie al supporto della guida Paolo Soletta, di Fiorenzo Casti e Roberta Cadoni del "Consorzio Natura Viva Sardegna", abbiamo organizzato due lezioni di storia e geografia all'aria aperta, in uno dei nostri luoghi del "cuore" del paese: il nuraghe "Sa Domu De S'Orcu".

Fare lezione all'aria aperta è stato davvero bello e defaticante, soprattutto per gli alunni, felici e entusiasti di imparare circondati da tanta bellezza e tante pecorelle. In queste lezioni, seduti nei prati, abbiamo osservato, disegnato e scoperto tante curiosità sul sito archeologico e sull'ambiente circostante.

Dichiarano le maestre Muntoni e Allori: "La classe 4C ha partecipato con grande entusiasmo al progetto "Assi". Gli alunni hanno avuto l'opportunità di sperimentare e di essere protagonisti come cittadini attivi del futuro, rispettando le linee guida interdisciplinari presenti nella programmazione didattica annuale, che include gli obiettivi dell'Agenda 2030. Desideriamo ringraziare la dirigente scolastica Marta Putzulu e l'associazione Elda Mazzocchi per aver reso possibile la realizzazione di questo progetto."

Gli apprendimenti di questi incontri verranno raccontati dai bambini stessi, mercoledì 24 aprile, ai compagni di un'altra classe 4, del plesso di Via Cagliari. Ma non solo. Il 7 maggio andrò con gli sportagents a Roma, dove si svolgerà l'evento finale del progetto, per raccontare anche ai protagonisti delle altre regioni quanto svolto in Sardegna. 

Da questa attività abbiamo capito quanto i bambini siano sensibili alle tematiche ambientali, quanto siano precisi e attenti nel portare a termine un compito. Nelle città da loro inventate "Gratislandia", dove non servono i soldi e dove i parchi per giocare sono tanti quante le case e "Il mondo dei sogni", dove i cittadini si alternano per pulire gli spazi e tutto si ricicla, c'è tanto da imparare e su cui riflettere.

Un ringraziamento alle maestre per il supporto e alla dirigente scolastica prof.Marta Putzulu, sempre disponibile ad accogliere i progetti esterni proposti dall'associazione Elda Mazzocchi Scarzella.

Oltre ai laboratori nelle scuole, il progetto ASSI in Sardegna prevede altre attività, tra le quali un osservatorio, che come ci racconta Aldo Dessì, vice presidente Arci Sud Sardegna, rappresenta una grande opportunità per censire e promuovere tutte le iniziative dedicate alla promozione dell'Agenda 2030 portate avanti in Sardegna e una ricerca. Su questo Monica Sabeddu, responsabile dell'attività racconta: "è evidente che anche tra i cittadini sardi si è rafforzata la consapevolezza rispetto ai temi ambientali e dell'inclusione sociale. Sorprende anche la quantità di stakeholders che hanno posto tali obiettivi tra le priorità della loro azione".

ASSI, un progetto di Concord Italia, parte della Confederazione europea che rappresenta 2600 ONG e associazioni della società civile in abito di cooperazione allo sviluppo umanitario è l'acronimo di Azioni per lo Sviluppo Sostenibile integrate. Realizzato nell’ambito dell’Avviso pubblico per proposte di iniziative a supporto dell’attuazione della Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile – Vettore “Cultura della Sostenibilità” (SNSVS3) è finanziato dal MASE (Ministero per l’Ambiente e della Sicurezza Energetica).

 

Ultima modifica il Martedì, 23 Aprile 2024 09:20
(0 Voti)
Letto 1086 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire tutte le informazioni richieste, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è permesso.