L'impresa è donna

Maria Grazia Filigheddu ha 33 anni, ama leggere e scrivere. Fin da piccola inventava storie, voleva diventare una scrittrice.
 
Finite le scuole medie per me non c'erano dubbi dove proseguire gli studi e naturalmente la scelta cadde su un liceo classico. Decisi di iscrivermi così in giurisprudenza a Sassari senza esserne veramente convinta e senza grande entusiasmo. 
 
In quegli stessi anni in realtà iniziava a muovere i primi passi l'azienda agricola della sua famiglia. Suo padre essendo agronomo, pur svolgendo attività come dipendente pubblico, nel 2005 decise di riconvertire a vigneti dei terreni di famiglia adibiti a pascolo. Fin da subito la coinvolse nell'attività.
 
L'idea di progettare qualcosa che fosse un po' mia non mi dispiaceva anche perché più andavo avanti con gli studi e più mi pesava, era una cosa che mi stavo facendo andar bene ma in realtà non mi piaceva.
 
Maria Grazia non rimpiange affatto gli anni universitari perché le hanno permesso di crescere, di assaporare la libertà, il primo distacco vero e proprio dal nido familiare che le ha permesso di conoscere persone nuove, amicizie solide che durano tutt'ora. 
Il primo approccio e l'avvicinamento al ruolo che svolge ora in azienda è stato graduale. All'inizio non si sentiva in grado o all'altezza perché era una cosa totalmente nuova. Ha iniziato a fare alcuni corsi e prendere parte attivamente alle attività con suo padre, si è appassionata giorno dopo giorno.
L'azienda agricola nasce nel 2005 e l'attività principale è quella vitivinicola. Si trova nella Gallura più precisamente ad Arzachena dove il vitigno per eccellenza è il vermentino. Maria Grazia decide di dedicarsi totalmente all'azienda una decina di anni fa quando la famiglia scelse per la prima volta di imbottigliare tutti i vini. Ora si occupa principalmente della rete commerciale e della parte amministrativa/burocratica.
 
Il bello di avere una impresa è sicuramente quello di non essere legata ad orari e che quello che fai è per te, è una cosa tua.
 
L'intuizione del padre è stata quella di continuare e valorizzare quegli stessi terreni di famiglia, per creare un' attività nuova. 
Ritornare alla terra al giorno d'oggi per Maria Grazia è molto importante soprattutto in una terra come la Sardegna che può offrire tanto se si riesce a valorizzarla nel modo giusto. 
 
Il contatto con la natura e poter lavorare all'aperto come nel periodo della vendemmia può sembrare una piccola cosa ma in realtà non ha prezzo.
 
Negli ultimi anni abbiamo assistito ad una presenza femminile sempre più marcata in quei settori, tipo l'agricoltura, tipicamente maschili. La storia di Maria Grazia è un ulteriore prova.
 
Dal mio punto di vista le attività imprenditoriali in cui c'è una donna a comando sono anche quelle vincenti e di successo come d'altronde ci dimostrano anche i fatti.  Il valore aggiunto di essere una donna probabilmente è quello di apportare nuove idee, di creare bellezza.
 
L'attività principale dell'azienda di Maria Grazia è quella vitivinicola anche se non si tralascia la cura del bestiame tutt'ora presente a Palau dove negli ultimi anni hanno deciso di ampliare gli ettari vitati e valorizzare in questo modo quei terreni lasciati in eredità dalla famiglia, riqualificando una stalla per farla diventare una cantina spaziosa e funzionale. Ad oggi l'azienda ha circa 8 ettari di vigna divisi tra Arzachena e Palau, si producono 5 varietà di vini di cui 3 bianchi tutti vermentini, 1 rosato e un rosso. Il vermentino di Gallura è l'unico ad avere la Denominazione di Origine Controllata e Garantita (D.O.C.G.) in tutta la Sardegna.
 
Stiamo portando avanti una ricerca e riscoperta delle varietà di uva rossa autoctone galluresi, con l’obiettivo di produrre un vino che sia espressione del territorio in cui nasce, affiancando al vermentino di Gallura varietà autoctone di uva a bacca rossa come il Caricagiola il Muristellu, il Cagnulari.
Con l'ultima vendemmia, quest'anno  abbiamo ottenuto la certificazione biologica di tutti i nostri vini, ulteriore conferma di quanto la genuinità e qualità del prodotto siano i punti cardine della produzione e l'intervento dell'uomo è veramente marginale. Abbiamo abbracciato un tipo di agricoltura sostenibile, preservando così l’ambiente e il territorio in cui si opera, senza utilizzo di diserbanti in vigna e con l’inerbimento naturale del terreno.  
 
Essendo un' azienda totalmente a conduzione familiare Maria Grazia cerca di mantenere un' alta qualità del prodotto mantenendo una piccola produzione.
La soddisfazione più grande del lavoro per lei è stata ricevere, dapprima, alcuni riconoscimenti a livello regionale come a Nuoro al concorso enologico B'INU in cui tutti e tre i nostri vermentini si sono piazzati bene.
Al Vinitaly, il più importante concorso enologico in Italia, due dei suoi vini il "Décchitu" e il "Vendemmia Tardiva" hanno raggiunto il punteggio massimo nella categoria vini Biologici e questo ci inorgoglisce.
L'ultimo premio che le è stato riconosciuto a Londra al prestigioso Decanter World Wine Awards, uno dei più importanti concorsi internazionali in cui il  vermentino "Caldosa" si è aggiudicato una medaglia di bronzo.
Attualmente l'azienda è presente  in tutto il territorio regionale in particolare del Nord Sardegna e in minima parte a livello nazionale. 
Per il momento Maria Grazia ha deciso di non esportare all'estero per consolidare ancora di più il mercato locale ma sicuramente in futuro sarà una scelta anche obbligata dal momento che il mercato è un po' saturo. Uno dei progetti che Maria Grazia inizierà a breve una rete di enoturismo con degustazioni dei prodotti in vigna a Palau, crocevia di tanti turisti.
 
Mi piacerebbe molto iniziare già dalla prossima primavera ad accogliere i tanti appassionati di vino e della natura, una clientela attenta alle piccole realtà e che si lasci guidare in una visita esperienziale. Mi auguro di continuare a fare sempre meglio, far conoscere i nostri vini di qualità ad un pubblico sempre più ampio e di portare a termine quello che mi sono prefissata.
 
Ultima modifica il Mercoledì, 04 Novembre 2020 16:53
(3 Voti)
Letto 546 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire tutte le informazioni richieste, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è permesso.